Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

JOE CHAMBERS PASSPORT

Lunedi 13 marzo 2017, ore 21

Teatro Villa dei Leoni
Riviera Silvio Trentin 5 - Mira (VE)

Ingresso intero: 8 euro
Ingresso ridotto studenti: 5 euro


Joe Chambers - vibrafono e batteria
Pietro Tonolo - sassofoni
Jorge Rossy - vibrafono e batteria
Marc Abrams - contrabbasso

Gruppo di originale assetto, Passport è composto dal sassofonista Pietro Tonolo, dal contrabbassista americano Marc Abrams e dai due grandi batteristi Joe Chambers e Jorge Rossy, che si alternano scambiandosi la batteria, strumento al quale ascrivono la loro notorieta', e il vibrafono, da entrambi prediletto negli ultimi anni per le loro rispettive esplorazioni in ambito compositivo ed espressivo.

Nelle ultime uscite il vibrafono è suonato prevalentemente da Rossy che ha trovato nello strumento una perfetta sintesi tra batteria e il pianoforte, che da qualche anno aveva abbracciato abbandonando quasi del tutto la batteria, sulla quale invece Chambers sembra essere tornato con grande entusiasmo.

Originato dalla quasi ventennale collaborazione tra Pietro Tonolo, figura assolutamente carismatica del jazz italiano, e Joe Chambers, che ha vissuto negli anni 60 accanto ad Herbie Hancock, Wayne Shorter, Bobby Hutcherson, Chick Corea la stagione forse piu' luminosa del jazz moderno, e in particolare dell'etichetta Blue Note, Passport si è in seguito arricchito dalla personalità di Jorge Rossy, musicista la cui sensibilità ha contribuito alle fortune del primo Trio di Brad Mehldau e in seguito aperto le porte alle collaborazioni con Wayne Shorter, Charlie Haden e Carla Bley.

La band, che non ha un vero e proprio leader e si basa sulla condivisione delle esperienze dei suoi componenti, ha al suo attivo già una registrazione nel 2011 per l'Auditorium di Roma che testimonia sino in fondo le affinità e la classe dei quattro musicisti.
Vai all'inizio della pagina