Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

FRANK MARTINO DISORGAN TRIO
"REVERT"

Domenica 12 marzo, 2017, ore 12

Pizzeria Naturale Al Giardinetto
Via G. Di Vittorio, 16, Mira (VE)

Concerto e Brunch 15 euro.
Per prenotazione: 041 420814


Frank Martino - Chitarra/Live Electronics
Claudio Vignali - Piano/Live Electronics
Niccolò Romanin - Batteria/Live Electronics

Anche quest'anno, visto il successo nelle due ultime edizioni, vi proponiamo un concerto fatto di musica e sapori: un Jazz Brunch organizzato in collaborazione con gli amici della pizzeria Al Giardinetto di Mira. A tenerci compagnia il progetto del chitarrista e produttore Frank Martino.

Revert, pubblicato nel 2016 dalla Auand records, è il primo album da leader di Frank Martino,, e rappresenta la perfetta messa a fuoco della sua visione artistica grazie alla quale la contaminazione tra jazz e musica elettronica trova la sua piena realizzazione.

Il titolo Revert fa riferimento ad una sorta di ritorno alle origini soprattutto per quanto riguarda l'aspetto della composizione e dell'improvvisazione, liberandosi di sovrastrutture troppo rigide. Un album che è scevro da caratterizzazioni di genere e che si muove tra i generi con stravagante naturalezza in un dialogo continuo e curioso: se la matrice è fortemente jazzistica, vista la presenza di parti improvvisate e basate sul reciproco interplay, nel disco sono presenti evidenti riferimenti ai generi più disparati.

La formazione è composta, oltre che da Frank, da Claudio Vignali, ormai un ospite abituale della nostra rassegna, in cui ha messo in luce le sue straordinarie doti tecniche e creative e, e Niccolò Romanin, batterista che da sempre guarda a ciò che accade oltre al jazz con curiosità e intelligenza.

“Revert” di Frank Martino è un’opera complessa che non ha un inizio. L’impressione è infatti che la si possa ascoltare partendo dalla fine o dalla sua metà.
Il suo non è un lavoro sulla melodia tradizionale (per quanto ci siano riferimenti alla musica seriale ma anche a Ravel e Rachmaninov) ma sull’impianto sonoro che respira di funky, di noise e ovviamente di jazz.

E non è il lavoro di un chitarrista ma di un artista a tutto tondo che sente la musica con gli occhi curiosi di chi la coglie nella contemporaneità odierna fatta di impulsi e di digitale, di dialogo, comunicazione e improvvisazione. E’ dunque un’opera di oggi che bene si colloca nel nuovo percorso di un jazz meticciato non solo dalle musiche del mondo ma dai viaggi umani e tecnologici nelle geografie planetarie.

“Revert” è un riverbero. Un reverse da poter ascoltare anche al contrario infrangendo il tradizionale modo del sentire.

Paolo Fresu


“Uno spirito avanguardista ed estremamente iconoclasta che guida l’architettura di paesaggi sonori criptici e ipnotici, fortemente tensivi.”

Stefano Dentice, Italiainjazz

“Una sfida ai linguaggi consolidati nel segno di un atteggiamento onnivoro nei confronti della musica, che tiene insieme il jazz e l'elettronica."
Fabio Versienti, Corriere del Mezzogiorno

“Chitarrista dagli approcci plurimi, avido di sperimentazione, trasversale."
Gian Aldo Traversi, Il Resto del Carlino

Vai all'inizio della pagina