Utilizziamo gli identificativi dei dispositivi per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre, forniamo tali identificativi e altre informazioni relative ai dispositivi che utilizzi alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

FEDERICO CASAGRANDE
"At the end of the day"
SOLO GUITAR

Sabato 11 marzo, 2017, ore 21

Teatro di Villa Widmann Foscari
Via Nazionale, 420, Mira (VE)

Ingresso libero


Federico Casagrande - Chitarra

Oltre alla sua attività in duo, trio o quartetto, Federico Casagrande si esibisce in solo performaces fin dal 2006, affascinando ovunque nel mondo il pubblico nelle più varie situazioni, dalla piccola sala del club underground, alla grande concert hall metropolitana.
La sua performace comprende sia materiale scritto che improvvisato, e trae spunto dai generi più vari: il contrappunto assimilato durante gli studi classici, il jazz contemporaneo delle sue produzioni discografiche (ha al suo attivo 10 dischi come leader o co-leader), ma anche i riff della musica rock e pop, contribuiscono a creare una miscela musicale allo stesso tempo raffinata e in grado di raggiungere ogni tipo di pubblico, mentre l'utilizzo di effettistica digitale e di strumenti “preparati” aggiunge alla performance una dimensione altra.
Dopo il diploma conseguito al Berklee College, Federico si è trasferito a Parigi e nel tempo ha ottenuto riconoscimenti in Italia, USA, Canada, Danimarca, Austria, Portogallo, Svizzera, Francia, Gran Bretagna, Cina, Tiwan, Corea, Giappone, Vietnam, Belgio , Ucraina, Bulgaria, Macedonia e Germania.

www.federicocasagrande.com

“a six string poet, he has everything to become one of the singular voices of contemporary guitar”
JAZZNEWS
“this music is incredibly therapeutic ” 
OUTUNE
“astonishing guitarist, an inner music where the feelings bubble and condense in the essence of this terrestrial life itself”
ENA
“with his subdued play Casagrande proves progressive jazz guitar a great service and leaves note devouring colleagues like Montgomery, Burrell and Martino behind in the 20th century”
JAZZTIMES
“an unrestrainable talent”
MUSICAJAZZ

Vai all'inizio della pagina